.

La proposta progettuale ha come obiettivo fondamentale quella di sfruttare la possibilità di immaginare un edificio pubblico come elemento urbano che rafforzi i fattori di stabilità all’interno della materia urbana consolidata, si tratta quindi in questo caso, di enfatizzare l’appartenenza dell’intervento al corpo della città. L’orizzontalità del grande vuoto del campo da gioco dello stadio e del parco sembrano determinare la necessità di un continuo sguardo verso di esso.

La notevole mole fisica del palazzo dello sport è attenuata dalla composizione per strati orizzontali; una grande “aula” flessibile e allestibile per altre manifestazioni ed eventi. Il museo dello sport, propone la possibilità di realizzare un percorso museale attorno ad un patio interno che modula la luce naturale. La piazza sopraelevata, enfatizzata dalla gradinata di raccordo con la strada e il parcheggio,  è legata alla fruizione del museo ma diventa una terrazza panoramica sullo stadio e sul parco, riparata e sovrastata dai Cedri esistenti; un luogo di sosta e di incontro collegato anche esternamente al giardino sottostante.

.

.

 

 

 

 

Vercelli (Vc) Italia

concorso nazionale per il nuovo palazzetto dello sport e museo della scherma

 

 

   

.